Archivi tag: museo

Come i marosi

Di chi ha dita così rovinate che sembra lavori nei campi o al bancone di un bar, che costruisca case e autostrade, invece no, è l’attesa che divora la carne e lacera i tessuti.

Così una goccia di sangue non è il passaggio all’età adulta, ma il girare intorno a se stessi che fa perdere la testa ed esplodere il cuore.

Hai voglia a prendere esempio dalle vite degli altri, non potrai vivere a lungo sull’è stato detto, andrà a finire che troverai uno specchio e ti chiederai ancora chi sei.

Mi dici che sono così noioso, che servirebbe uno shock di quelli forti che mi faccia dimenticare tutte le domande e mi trasformi in animale che non giudica gli istinti, ma li asseconda. Così se ti avvicino al muro, ti annuso i capelli, ti faccio girare e ti penetro da dietro dovrei dimenticarmi l’estetica, quella viene prima, ora è tempo di concentrarsi nell’estasi. Invece mi lancio in riflessioni come si fa col marmo liscio dei Rodin. E comincio a dirti che i quadri andrebbero trafugati alle fondazioni ed esposti alle pareti di case qualsiasi, mi guardi le spalle e mi chiedi: chi li ha inventati i musei? Così proviamo ancora a farci armonia, il mio ventre s’infrange contro al tuo come fanno i marosi. Tu sbrigli la lingua e citi l’espressionismo grottesco, io e le mie valvole in sussulto, poi il fischio lungo per tornare al porto.

Manca la musica, mi dici tu. Non la senti, rispondo io. Le parole rimbalzano tra i denti e melodie sul palato, che te ne fai dell’elettronica?

Faresti meglio a tradirti -mi lanci la maglietta, ti sistemi i capelli-, a prenderti meno sul serio. Io rido e stringo il cuscino, come i daini salto sul materasso, distendo le braccia, i palmi rivolti al cielo: dovrebbe piovere, le senti le prime gocce, vieni più vicina, salta anche tu, facciamoci branco. Ci pensi un poco, prendi la rincorsa e mi raggiungi, così a tuo agio nel nudo, così vicina che sembra Titanic, ti metti a ridere, certo che sei banale, sussurri. La senti la pioggia, una goccia, un’altra e una ancora, chiudi gli occhi, lascia che piova e poi fatti stringere, ti asciugherò i capelli più tardi, ora lasciati andare, finiremo per piangere o urlare noi che ancora sappiamo immaginare.

Foto: dalla rete.

tumblr_lif4dcYGYp1qzu80so1_500

Contrassegnato da tag , , , , , , , ,

Nuoteremo di giorno, fioriremo di notte

C’è un quadro di Daubigny che porta il tuo nome.

Così ti rincorrevo nei corridoi grandi dei musei fermandomi a lungo sulle panchine per guardare la gente fotografare di nascosto e confrontarsi sul senso delle immagini.

Io che scopro il pensiero soltanto nel letto e sulla strada mi faccio investire dal colore e dall’estetica, null’altro.

Come carta carbone prendo le pieghe delle tue guance e mi trasformo in cuscino per le tue notti insonni.

Chissà che pensi in tutti i tuoi silenzi. Chissà che guardi e quante volte al giorno ti sistemi le unghie.

A leggere la cronaca dei giorni peggiori e di chi non sa mordere il freno alla lingua. L’estetica è troppo importante perché si tramuti in insulto, preferisco un marmo levigato o i tuoi fianchi accoglienti.

Chi vomita odio e sciocchezze è colui che non sa sorseggiare il vino e sentirne l’odore, riconoscere i frutti.

Preferirei farmi sordo alla critica per non scoprire ancora una volta di essere io, il primo, il razzista. Io, il primo, il violento. Se la tua lingua darà scandalo, tagliala.

Riconoscere gli ambienti e cercare gli occhi prima di lasciare andare le labbra e investire in discorsi. C’è un alfabeto che trascende la scuola ed è esperienza e sguardo: incontro.

E vorrei chiederti scusa per le mie invadenze, perché non so tenere il ritmo e accelero in battere. Per mancanza di tatto e la debolezza. Io così uomo, così fragile e inadatto al due. Forgerò nei vulcani dell’isola magna armi nuove e scudi lucenti. Trasformerò le spalle in caverna e aprirò la porta ai pomeriggi d’estate, guardando in alto e dimenticandomi dell’ombelico.

Tu, se puoi, se puoi soltanto, sorridi alle mie mancanze e riempi i silenzi di senso, che prima o poi saremo cascata o soltanto ruscello.

Nuoteremo di giorno e fioriremo di notte.

E vestirò una maglietta larga e piedi nudi, sentiremo l’erba sotto ai piedi e ci dimenticheremo del mondo soltanto per oggi, così le farfalle verranno a far visita ai nostri capelli e ci presenteremo agli amici come un quadro di Renoir. Belli, incomprensibili e strafatti di luce.

Quadro: Renoir

papaveri

Contrassegnato da tag , , , , , , , ,