Regalami tu presenti senza contemplazione

Magari chiedimi da dove vengono le onde così potrò risponderti che questi sono discorsi da film e buio di sale nere.

Con la richiesta d’attenzione dei topless da spiaggia e quelle tavole disordinate dove ognuno guarda al sé e dimentica il noi. I discorsi lenti dell’ora della digestione e la mancanza di opinioni originali. Che per lasciar perdere e riempirci il bicchiere diamo la colpa a tutti e mischiamo le responsabilità con la ricchezza.

Sono atterrati gli alieni questa notte e nessuno se n’è accorto.

Tra gli speciali della moda giovane, i concerti estivi e le lezioni di cucina registrate a Gennaio. Poi a Republique suonava Pete Doherty, e quando ti chiedevo chi è mi rispondevi soltanto: è l’ex di Kate Moss. E mi veniva voglia di domandarti ancora chi è questa Kate Moss e se ha qualcosa da dire al pianeta intero, ma non te l’ho chiesto. Ho paura dei tuoi discorsi sessisti e delle femmine emancipate di sessant’anni che popolano i palchetti dei festival. Bisognerà prima o poi impegnarsi in qualcosa? Dicevi leggerò storie ogni sera ai miei figli per crescerli belli e forti, e sani e felici. Ti supplicavo di lasciar perdere i cantautori leggeri dei generi letterari e di provare con Apollinaire e il ritmo lento di certa poesia Sufi. Così imprecavo Mary Lou di restituirmi la vita a furia di frasi brevi. Per scoprire di aver interesse nei volti e di trascurare ormai i corpi.

E volevo disegnarmi un narvalo proprio sotto alla coscia per guardarmi allo specchio e credermi mare; acqua che mondi nasconde e corpi trattiene. Infinito sconosciuto e magnifico a me inaccessibile per incapacità natatoria.

Nelle vie che salgono da Belleville al parco di Buttes Chaumont il vento muove le foglie e i sampietrini ospitano piccole serpi a sonagli. I topi si incantano e si ammassano davanti alle recinzioni per guardare lo spettacolo dei pic nic estivi, di questi nudi appiccicosi e della carta trasparente che difende i prosciutti.

Dimmelo ora, dimmelo adesso, perché non godersi l’istante e guardarsi da fuori? Dimmelo ora perché c’è chi si tatua il terzo occhio e chi invece ce l’ha senza averlo scelto? Accecami tu come Ulisse, con le tue cosce da maga e notti insonni, e regalami presenti senza contemplazione.

Foto: Saul Leiter

saul-leiter-barbara-or-margaret-1955

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: