Non credere agli amori di giugno

Indossavi un abito rosso sulle decine di chili che hai perso, il mio sogno delle sei del mattino, il primo caffè, gli occhi arrossati. Ora che sei diventata grande, che non fai più rumore quando mangi la pastasciutta, che non indossi lo scolapasta per assaltare i pirati. Ora che ti fai chiamare donna, che non ti servono più le consolazioni dell’alcol e trovi ancora sfogo nei viaggi. Sai, quel giorno d’agosto, quando abbandonato all’estate selvaggia, l’ultima spiaggia e il mio petto nudo, gli amici ping pong e racchettoni, lo sguardo sulla riva, e ogni impronta era la tua, ogni ombra l’annuncio di un tuo arrivo. Poi, a sera, una sagra e costine grigliate nell’aria, quell’sms colpa del vino, il tuo silenzio. Il tempo fa il suo mentre il mio stile rimane immobile, ingannevole e finto, pirite e non oro, un luccichio soltanto. lo capisci da sola che non sono credibile. Così simili alle farfalle coi fiori voi fanciulle, basta una posa per ingravidare di pensieri le nostre pance infeconde. Non credere agli amori di giugno, ti dico, che evaporano in fretta. Così inizia questo mio dire che si mostra quando vuol scomparire, e dura il tempo di una birra, come un glu glu che finisce nello stomaco e chiede il conto al mattino, quando tu non ci sei e fuori è chiaro e il mare un ricordo di ieri.

Foto: © Giulia Bersani

10349823765_5fbe6432d3

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: