Da “Io”, prove tecniche di romanzo breve

(…)

Lasciai gli occhi tra il compasso sgraziato delle gambe di una rasta bionda, risalii tra le sue cosce e mi fermai sulla gonnellina nera senza nemmeno riuscire a risalire all’incavo della sua conchiglia. Avrei voluto appoggiarci l’orecchio per sentire il rumore del suo mare, allungare la lingua per il sapore del sale.

Era appoggiata sui gradini, fumava una sigaretta come chi non sa quel che fa e si concentra sullo stile donando al suo fare il gusto artificiale di certa discografia contemporanea. Penso all’ultimo album dei Radiohead, mi si accende in testa un ritmo in battere. Un passo e poi un altro, per dimenticare il suo viso tra le gemme acerbe dei volti delle giovinette.

(…)

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: