Pupille dilatate senza uso di droghe

Nella sua casa di via di Grazia ha chiuso tutte le finestre, due mandate di chiave alla porta, l’antifurto. L’aria condizionata accesa. Fuori le auto sfrecciano forte, lui non le sente. Tutto è dentro ora. Sul piano cucina il basilico fresco caccia il suo odore d’estate. L’aratro del pensiero lo rivolta dentro, le zolle si mischiano ma la terra rimane la stessa. Negli occhi di lei dolcezze, nel linguaggio distanze. Negli occhi di lui, pupille dilatate senza uso di droghe – ipotesi allergie estive – il profondo abisso del sentirsi inutili fuori dai rapporti e il senso della mancata esistenza. Non si dispiace del non essere compreso, oh no, quel che non lo soddisfa è il non riuscire a far felice alcuno. Che a raccontare la gioia siamo bravi tutti. E nella notte, a un’ora imprecisata, il pensiero di quelle mani lunghe, capelli di luce, che da Wilcock spuntano domande e nuotano nelle insicurezze. Così corre al frigo, beve solo acqua ormai, e così trova quiete.

© Harry Gruyaert

11150367_650188425111772_6824752802878961872_n

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: