Non c’è inverno per le cicogne

Noi che teniamo le finestre chiuse per non accorgerci del tempo.

Che ci svegliamo la notte e il giorno è perso.

Con le nuvole negli occhi mi dirai

che non mi hai visto mai.

Che mi ubriaco per l’imbarazzo

e i miei discorsi come le matasse di pelo

si accumulano su federe made in China.

Dormiamo racchiusi in scrigni di cemento e per abbatterli chiameremo le gru

e ci diranno che sono occupate coi parcheggi dei suv.

Gli autobus zuppi come i miei jeans bagnati sull’orlo che il passo ha consumato.

Nei ristoranti i camerieri fanno le foto alle classi in vacanza.

E per entrare nei negozi dobbiamo farci le vaccinazioni.

Tu che mi dici che siamo nati troppo tardi

che negli anni 70 saremmo sfatti di eroina.

Io che ti dico che c’è ancora speranza

e poi guardiamo le luminarie rosa all’orizzonte

che non c’è inverno per le cicogne

che non c’è inverno per le cicogne.

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: