I palloni non si incastrano più sotto alle marmitte

C’è quella che noi chiamiamo follia perché non sappiamo ancora niente, che ti alzi con il mal di testa e i denti rossi come le valli del Chianti. E le voglie te le tieni in tasca come le caramelle per smettere di fumare. Quando ti ho detto che facciamo dove andiamo scopiamo. Quando sei diventata un buco delle Polo, pronta a sparire come le astronavi sui pianeti che non ho mai visto. Ci crederesti tu all’esistenza di Dio? Mettiti al posto mio. Ci crederesti tu al buco dell’ozono e ai frigoriferi coi gas delle nostre lattine lasciate aperte. Un sorso e via perché abbiamo fretta di scaldarci. E ci raffreddano i venti del Marocco, con le nostre bici per evitarci tra un tram e un bar. Che prima o poi saremo felici come i ballerini di piazza di Spagna. Come le statue di piazza Duomo faremo da sedia ai turisti. Che Roma è lontana come quando giocavo a pallone tra le macchine. Che ora ci trovi soltanto chi piscia e i palloni non si incastrano più sotto alle marmitte. Che ora ci trovi soltanto chi piscia e i palloni non si incastrano più sotto alle marmitte.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: