Discese

Lontana.
Alle feste di laurea col cappello.
Con le nostre cugine che emigrano in terre straniere.
Io che avrei dovuto tatuarmi da piccolo.
Io che avrei dovuto bucarmi da giovane.
Io che conservo un neo sulla guancia sinistra per ricordarmi chi sono.
E tu che respiri l’aria del mare.E delle fabbriche.
Che il colosseo dovrebbero demolirlo o farci un teatro.
Intanto i cani ci pisciano attorno.
Le alluvioni ci ricordano che siamo fragili.
E tu che mi dici con calma.
Sono invadente come l’odore dei freni.
E le discese non son fatte per me.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: