Il dolce arriva sempre alla fine

Odio gli hotel.
Questa stanza è stata nostra e nulla più.
E mi massaggi la schiena, e mi dici che a Parigi non ci sono i bidè e io ti rispondo embè.
E vorrei parlarti di quel film della televisione che non accendo mai, e mi dimentico i nomi.
Milano ci mangia addosso.
Milano ci getta le briciole dei bar.
Ti sei tatuata le sopracciglia per vederci meglio.
Odio gli hotel.
Ti porti una bottiglia d’acqua nella borse per difenderti dai miei deserti.
Dalle parole che non ti ho detto.
Dalle luci delle auto in corsa.
A Milano non ci sono semafori blu.
E io, e tu.
Diversi come i fili della corrente.
I pareggi come le bistecche sventolate davanti ai cani randagi.
Del Piero è sempre lui e lo riconosci e non chiedermi cos’è il quarto uomo.
Mettiti i calzoncini che prendi freddo.
Incarta le caramelle che il tempo passa e dobbiamo tenerci pronti.
Il dolce arriva sempre alla fine.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: