Settimanali illustrati

Si risvegliano ancora i cinesi dell’arco della pace. E sotto le fontane laviamo i panni smessi dai parenti. Le bocce sono un gioco in bianco e nero tra i terroni del nord, le sciarpe in cashmere dei milanesi e i desaparecidos senza permesso di soggiorno. Sulle panchine calde per la notte dei senzatetto si consumano i tradimenti. L’aria aperta del giudizio sospeso. Le scale dei tribunali e le bancarelle dei libri di piazza Missori appendono Hannah Arendt al chiodo. Guardiamo per terra per evitare i missili degli occhi e dietro le edicole le copertine dei settimanali illustrati. Coi seni nudi e i capezzoli tondi sui banchi dei panettieri. E tu sei così lontana che anche il mio telefono non riesce a prenderti. Mentre intercettano gli sms ti scrivo per dirti che ti ho desiderata. E poi hai preso quel tram. E Roma è ancora la capitale per i tuoi viaggi per il compleanno dello stivale.

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: