Per farmi ombra

Le notti ad aspettare quello che non succede nemmeno nei film.

Silenzio s’infila nelle orecchie e non mi fa dormire.

Le fodere sporche di vita. Il battito regolare degli intestini.

Svegliarsi di giorno per pisciare fuori dalle torri il Niagara dei nostri scarti.

La casa illuminata dai led è un albero per il Natale

tu al caldo dell’ovest

io al freddo del nord.

Quando verrai non ci sarò, partirò.

Bevo troppo, lo sai?

M’aggrapperei ai tuoi capelli come i pidocchi.

Il nettare della tua cute per riprodurmi, i tuoi pensieri che cadono e s’incastrano tra le dita dei piedi.

Che siamo uomini e mica robot.

Che “s’io fossi piccolo come il grande oceano mi leverei sulle punte dei piedi delle onde con l’alta marea accarezzando la luna”, salendo sui ponti di Porta Genova per perdermi nei vicoli di Via Vigevano. Costruiremo degli altri ponti aerei.

E per sentirci urleremo ai satelliti.

Che siete donne con le toppe e doglie, che siete donne coi silenzi e le voglie.

E ti dico che esistono ancora i coprifuoco

e non prendere freddo

non mi accompagnare

non mi chiamare

non mi sfogliare come l’Unità

per pulire i vetri e gli specchi,

per guardarti meglio.

E c’è anche il sole, ma a me non me ne frega niente

che vorrei la tua bicicletta verde ET

solo per farmi ombra.

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: